.
Annunci online

  ecodisirene Hic sunt leones
 
Diario
 






Blog collegato telepaticamente
con
diderot















Cassetta delle lettere

ecodisirene[at]gmail[dot]com 







10 maggio 2007

Tullio, vuoi star zitto, per favore?

Premesso che non sono un'esperta ma una semplice spettatrice, assisto da quasi un mese a un' allucinante querelle nata sul Magazine del Corriere della Sera a proposito del film "Le vite degli altri". Attore principale: Tullio Kezich, famoso, e non più giovanissimo, critico cinematografico.

Antefatto
 
Circa tre settimane fa, Kezich scrive sulla sua rubrica fissa "Biglietto d'ingresso" che il film dell'esordiente von Donnersmarck fa - cinematograficamente parlando - schifo e che non vale neanche una inquadratura di Nuovomondo di Emanuele Crialese.

A me la storia della spia della Stasi è piaciuta molto. Non condivido, m'incazzo. Però - mi dico - questa stroncatura livorosa ha delle attenuanti; una fra tutte, l'ingiusta esclusione di Nuovomondo dalle nomination all'Oscar come miglior film straniero (con la statuetta vinta proprio dalla pellicola tedesca).

La settimana successiva arriva una "vendetta trasversale", Claudio Carabba, che cura le recensioni sulla stessa pagina della rubrica kezichiana, butta lì 3-4 stellette per "Le vite degli altri" (come mai - mi chiedo - non ne aveva scritto prima?), gridando al capolavoro.

Io leggo e ghigno: "Ah ah ah, 'a nonnè, te la sei cercata"!

Kezich - il quale, come tutti i critici del mondo, deve avere un'alta considerazione di sè e delle sue capacità - se la segna e prepara la replica.





Risultato?

Oggi, 10 maggio, l'esperto cinefilo se ne esce con una giustificazione che, volgarmente, si potrebbe definire "pezza più vistosa del buco": 
Serpeggia il malcontento fra i lettori riguardo il mio intervento negativo sull'ammiratissimo film tedesco Le vite degli altri (...): mi premeva solo sottolineare la scarsa qualità della pellicola sotto il profilo cinematografico, ferma restando la giusta considerazione per i contenuti storico-politici. Ma proprio su questo punto, avendo letto una corrispondenza da Berlino di Le Monde (25 aprile), mi sorgono ulteriori dubbi. Intervistando Hubertus Knabe, direttore della prigione della Stasi trasformata in memorial, Lorraine Rossignol ne riporta varie riserve sull'opera di von Donnersmarck. Al contrario di Schindler's List, che rispecchiava fatti accaduti, l'attuale film inventa qualcosa che non ha riscontro nella realtà: uno sbirro che finisce per simpatizzare con i suoi indagati, trasformandosi quasi in un eroe e attirando l'ammirazione del pubblico (...).

Ora, caro Kezich... Ma che razza di discorso è questo? Il cinema non è un'arte? Non è (come la letteratura) capace di creare storie verosimili su uno sfondo di realtà? 

Un film non è un documentario ( e, del resto, anche i documentari non sono "oggettivi" come si pretende). Proprio lei, poi! Che loda il film di Crialese, magico e toccante certo, ma di sicuro non "filologicamente" rispondente in tutto e per tutto alle storie di emigrazione in Usa!

Suvvia... Ammetta di aver pestato una merda, da vecchio trombone felliniano qual è, e non parliamone più.




permalink | inviato da il 10/5/2007 alle 17:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (22) | Versione per la stampa

sfoglia     aprile        giugno
 

 rubriche

Diario
Focu di raggia
Malarazza

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

mafiazero
Step1
Il Barbiere della sera
sherpa tv
orioles
Leftwing
Babele
Giornalettismo
Libmagazine
den
il filosofo non lavora, osserva
eminenza (grigia)
Sabbath
suibhne
ad limina
Alberto
baol
gago
Isula
Makìa
minchia di palissandro
Numerabile
perle ai porci
fondatore PCI
orfini
quadernino
raccoon
rip
Sandrone Dazieri
stamparassegnata
Edizioni Stacchia
un blog che pedala
vibrisselibri
vocidipopolo
akille
Alcestis
aldo
alice
bloGodot
brigante
Cani e gatti
champion
ciromonacella
dolci inganni
Fa di una mosca un elefante
frine
ilblogdibarbara
Invarchi
locanda sul faro
lost in translation
Marcoz
Marzia perfecta
MF
Nardi
nick&name
Nuvole barocche
Tafferuglio
the breakfast club
topgonzo
viamajorana
z Prahy
zuccainmanette

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom